Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
Indietro

RIOS, l’importanza di fare sistema

RIOS, l'importanza di fare sistema

Visualizza l'articolo
a cura di Raffaella Citterio

Novembre 2014

Bilancio positivo per il primo anno di attività della Rete Italiana Open Source, nata con l'obiettivo di avvicinare un numero crescente di aziende pubbliche e private italiane ad adottare questo modello.

All'inizio dello scorso anno nasceva la Rete Italiana Open Source (RIOS), un ecosistema di imprese che riunisce i principali operatori italiani del settore con l'obiettivo di promuovere la diffusione delle soluzioni, dei ser vizi e delle modalità di produzione dell'open source di classe Enterprise. Abbiamo chiesto a Marco Tessarin, uno dei promotori dell'iniziativa nonché amministratore delegato della società SMC di Treviso, di fare un primo bilancio.

"L'open source è uno dei pochi settori in costante crescita, per gli evidenti vantaggi che offre: investire unicamente per i ser vizi professionali ricevuti, evitare di vincolarsi a singoli vendor, abbattere i costi di progetto pur adottando soluzioni di qualità elevata, in grado di garantire i massimi livelli di affidabilità. Il mercato ha mostrato di apprezzare questa iniziativa, che sposta l'asse dalla competizione alla collaborazione, mettendo a disposizione soluzioni integrate, esperienze più che ventennali nel mercato ICT e l'utilizzo di metodologie agili di progettazione e sviluppo".

Marco Tessarin, Amministratore Delegato di SMC

UN IMPEGNO A TUTTO CAMPO

Le iniziative promosse da RIOS nel corso del 2014 sono state diverse. Innanzitutto sono stati creati due panel dedicati Community ed Enterprise. Il primo con una for te competenza architetturale e di sviluppo, il secondo che aggiunge la capacità di veicolare nel mercato Enterprise piattaforme Open Source internazionali tra le più diffuse al mondo; sono state inoltre promosse numerose attività di formazione e certificazione, perché la penetrazione di modelli ICT alternativi passa inevitabilmente per una corretta ed elevata conoscenza degli stessi. Un impegno che ha dato impor tanti risultati visto che le aziende di RIOS vengono coinvolte in un numero crescente di progetti nel mondo dell'industria, banche, assicurazioni, PA centrale e locale.

"Queste attività sono state affiancate anche da un'intensa campagna di marketing che ci ha visto protagonisti, ad esempio: a Open Source Conference di Roma, al BigdataTech, evento svoltosi a Firenze alla fine di settembre con Penthao, HP Ver tica, Hor tonworks e mongoDB, e a Zimbra & Par tners, il primo evento italiano di Zimbra in cui sono state illustrate tutte le novità della release 8.5. Saremo infine a Roma come organizzatori del Liferay Italy Symposium che si terrà il 20-21 novembre", ha concluso Tessarin.