Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
Indietro

Il dizionario del cloud

Il cloud questo sconosciuto.

Ormai, tra le tecnologie protagoniste della trasformazione digitale di un'azienda si conferma il Cloud. Le imprese ne sono consapevoli tanto che, stando allo studio "State of the market, enterprise cloud 2016″, il 96% lo ritiene indispensabile per riprogettare uno o più processi aziendali. Nonostante ciò, spesso si sentono termini collegati a questo enorme ecosistema che a primo impatto possono sembrare poco chiare e quindi possono "spaventare".

E' per questo che vi proponiamo un glossario stilato da Verizon, che comprende tutta la terminologia (con relative definizioni) dedicata al Cloud.

  • APM Application Performance Management (APM): la procedura di gestione e monitoraggio della disponibilità di applicazioni software. L'APM consente di determinare la velocità con la quale le applicazioni forniscono informazioni o completano transazioni verso l'utente finale, all'interno di una rete specifica o di un'infrastruttura web-based.

  • API - Le API sono le Application Program Interface, sostanzialmente delle interfacce tra un'applicazione e la piattaforma cloud. Il vantaggio delle API è che queste evitano all'utente di dover modificare le configurazioni manualmente mediante una console cloud, consentendo all'applicazione di apportare modifiche all'infrastruttura cloud quasi in tempo reale.

  • BYOL -  BYOL sta per Bring-Your-Own-License: le aziende pur decidendo di spostare l'applicazione nel cloud mantengono la propria licenza in essere con uno specifico software vendor.

  • CAMP Per Cloud Application Management for Platforms (CAMP) si intende una specifica progettata per la gestione semplificata delle applicazioni, compreso packaging e deployment attraverso piattaforme di cloud-computing pubbliche e private. Cloud ibrido Il cloud può essere classificato come privato, pubblico o ibrido. Il cloud ibridorappresenta, come suggerisce il termine stesso, una combinazione della tradizionale infrastruttura IT on-premise con il cloud pubblico e/o privato. In pratica alcune applicazioni e alcuni dati rimangono all'interno dei data center aziendali, mentre altri sono archiviati nel data center del cloud provider. Il cloud ibrido si configura anche quando vi sono ambienti IT che incorporano più piattaforme cloud di diversi fornitori.

  • Cloud privato - Il cloud privato prevede invece che il provider fornisca tutto l'hardware e il software localizzato nel data centre del provider o in quello dell'azienda. Solitamente il cloud privato presenta costi più elevati ma è in grado di garantire maggiore sicurezza, affidabilità e flessibilità.

  • Cloud pubblico - Diversamente, con il cloud pubblico tutto l'hardware e il software si trovano presso il data center del provider, dove sono memorizzati i dati aziendali, accessibili via Internet. Il vantaggio per l'azienda è di non dover più acquistare e mantenere un'infrastruttura on-premise hardware e software potenzialmente costosa e di poter contare su una certa scalabilità e accessibilità in genere più veloce grazie all'infrastruttura e competenza del provider. Lo svantaggio è che le risorse hardware e software sono condivise con più organizzazioni con possibili ripercussioni in termini di sicurezza dei dati, affidabilità e flessibilità operativa.

  • Colocation - I server e i dispositivi fisici di un'azienda sono ospitati all'interno di data center professionali, di proprietà del cloud provider.

  • CDN - Con il termine Content Delivery Network (CDN) si intendono i dispositivi geograficamente distribuiti all'interno dei quali è presente una cache dove è memorizzato lo stesso contenuto destinato ai browser web. Lo scopo dei CDN è di identificare dinamicamente il server da interrogare per restituire la corretta risposta ad una domanda di contenuto, in maniera rapida ed efficace. L'obiettivo finale è di rendere migliore l'esperienza utente.

  • Data Center - Per data center si intende il luogo fisico in cui avvengono le operazioni dell'IT provider, ma anche i diversi apparati fisici nei quali vengono memorizzati, gestiti e distribuiti i dati.

  • Hosting Dedicato - L'hardware di un provider possono essere noleggiate da un'impresa ad esempio per l'hosting di un sito web, in questo caso si parla di hosting dedicato. Gli apparati del provider possono essere situati on- premise o off-premise e l'azienda gestisce la manutenzione giornaliera dei sistemi hardware, software e sistemi operativi.

  • Hypervisor - Per Hypervisor si intende la piattaforma (software, firmware, hardware) che gestisce più virtual machine (VM) ed assegna a ciascuna di loro le risorse hardware di uno o più server host. IaaS L'acronimo IaaS sta per Infrastructure-as-a-Service, la soluzione che mette insieme hardware e software in sostituzione o supporto di un data center.

  • Managed Hosting - Un hosting dedicato può prevedere che l'apparato venga collocato presso lo stabilimento del provider, che quindi ne gestisce l'infrastruttura. In questo caso di parla di managed hosting. Le imprese accedono all'ambiente di hosting attraverso un'interfaccia web-based, che offre strumenti on-line per gestire siti web e applicazioni.

  • PAYG - L'acronimo PAYG sta per pay-as-you-go e rappresenta la possibilità per le aziende di pagare soltanto per i servizi utilizzati, in relazione al tempo di impiego (minuti, ore o giorni).

  • PaaS - Un'altra categoria di cloud è il Platform-as-a-Service (PaaS) e corrisponde all'utilizzo di infrastrutture gestito da un fornitore per lo sviluppo di software su server virtualizzati. I provider gestiscono i server, il load balancing, i sistemi operativi e la capacità di calcolo mentre le imprese accedono alla piattaforma tramite portali web, API o software specifici del gateway.

  • SLA - Il Service Level Agreement, o SLA, rappresenta il livello di servizio della soluzione di cloud computing garantito dal provider (tempi di risposta, installazione, disponibilità e così via). Generalmente lo SLA viene concordato tra provider e azienda cliente al momento della firma del contratto. SaaS La forma forse più comune di cloud è il Software-as-a-Service (SaaS): il software viene offerto come opzione di leasing, invece che come acquisto una-tantum.

  • Virtualized Disaster Recovery - Un modo per sfruttare il cloud al meglio è sicuramente quello di affidarsi al Virtualized Disaster Recovery che consente di replicare in rete applicazioni e dati: un back-up completo di dati critici, sistemi operativi, database e applicazioni dell'impresa.

  • Virtualizzazione - Con questo termine si riferisce generalmente ai server virtuali: un server fisico ospita le risorse di storage e di calcolo che supportano diversi server virtuali. Le capacità di storage e computing da un singolo server fisico sono distribuite tra i server virtuali come se fossero indipendenti gli uni dagli altri.
 

SMC ha scelto il cloud di BT Italia. Leggi qui il comunicato